Benvenuto! La versione di Microsoft Internet Explorer che stai utilizzando è inferiore alla 9 e compromette così la corretta navigazione del sito.
Segui le Ace Trippers con Chrome o Firefox... Oppure se sei prorpio affezionato a Windows Explorer... aggiorna la versione adesso.
Ti aspettiamo!

WORLD OF WARCRAFT: i Misteri di Pandaria

 

mists-of-pandariaPer viaggiare con la mente tempo addietro vi erano soltanto i libri. Ci si isolava alla luce fioca di una candela e la mente iniziava a veleggiare per le mete che il narratore aveva deciso di raccontare.
Ancora oggi c'è chi preferisce questa forma d'intrattenimento altamente efficace. Ma per far viaggiare tutti indistintamente, di volta in volta si dovevano scegliere mezzi sempre più coinvolgenti e moderni, per questo presero piede le pellicole cinematografiche, iniziarono i romanzi raccontati alla radio, poi la televisione e per ultimi i social network. L'evoluzione naturale sono i mmorpg (giochi di ruolo online di massa, giocabili in contemporanea da tutti gli iscritti) a cui appartiene il videogioco World of Warcraft. mists-of-pandaria6
Si tratta di un mondo parallelo con boschi, fiumi, città, oceani, colline e sotterranei, insomma, tutto ciò che sarebbe presente nella realtà alternativa. Lo si può esplorare in lungo ed in largo con un avatar, ovvero con un nostro alterego maschile o femminile, che ci creeremo su misura. Quindi, più che un videogioco saremo catapultati in una vera e propria vita parallela. Da novembre del 2004 ad oggi il mondo virtuale di Azeroth (così si chiama la dimensione in cui si può cambiare la propria identità) ha visto aumentare i suoi abitanti divenendo una vera e propria nazione: ad oggi sono circa 15 milioni in tutto il mondo le persone che si collegano ai server di Blizzard (www.battle.net).
panda-xpressLa socialità è talmente curata che i ricercatori di due università statunitensi hanno dimostrato come usare World of Warcraft può consentire di capire come difendersi da un'epidemia virologica, oppure comprendere le dinamiche degli attentati terroristici. Per provare a giocare la Blizzard concede agli utenti la possibilità di scaricare il videogame da internet in maniera gratuita e vivere nel mondo virtuale sino al raggiungimento del 20° livello del proprio avatar. Dopo la prova si può decidere se rimanere e quindi acquistare il gioco al prezzo di 14,99 Euro, con il battle chest (che contiene World of Warcraft,The burning Crusade e Wrath of the lich king) viene dato anche un mese di gioco gratuito sul sito della Blizzard. Poi si potranno acquistare le espansioni Cataclysm e Mists of Pandaria. Dopo il primo periodo gratuito c'è bisogno di un abbonamento mensile che varia tra i 12,99 ed i 10,99 Euro.
mists-of-pandaria2Ma veniamo alla recensione tecnica dell'ultima espansione. I Misteri di Pandaria permettono al giocatore di perlustrare un nuovo continente, Pandaria appunto, e di vestire i panni di una nuova razza: il Panda. Presente anche una nuova classe: il monaco. Ovviamente, la classe aggiuntiva diviene disponibile per molte delle razze già introdotte nelle precedenti espansioni. Mentre il livello massimo a cui si può portare i propri personaggi è quello del 90°, garantendo quindi una longevità eccellente, anche perché il monaco può essere speccato da tank (mastro birraio), healer (misticismo) o dps (impeto). Energy e Chi le vostre barre, che vi daranno la possibilità di curarvi mentre combattete: questo perché non potrete vestire plate.
mists-of-pandaria8La grafica del mondo e le animazioni dei panda sono esageratamente evolute rispetto alle razze precedenti e la differenza si nota anche rispetto a Cataclysm, tanto che la Blizzard sta per mettere in scena una patch che darà nuovo lustro ad orchi ed umani. Ma le novità sono molteplici e sarebbe troppo lungo citarle tutte, vanno dalla coltivazione dei campi alla gestione dei pet e molto altro. In definitiva, un'espansione da avere assolutamente!

 

Voti di The Mind:
mists-of-pandaria4Game play = 9
Grafica = 9
Longevità = 10
Audio = 9,5

 

 

 

 

 

 

adventure iconeclectic icon

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS FeedPinterest