Benvenuto! La versione di Microsoft Internet Explorer che stai utilizzando è inferiore alla 9 e compromette così la corretta navigazione del sito.
Segui le Ace Trippers con Chrome o Firefox... Oppure se sei prorpio affezionato a Windows Explorer... aggiorna la versione adesso.
Ti aspettiamo!

NEED FOR SPEED: MOST WANTED

 

mostwanted 030In questi anni trascorsi il celebre titolo di EA Need for Speed è stato protagonista di molti dibattiti a causa di alti e bassi dovuti ai cambiamenti apportati dagli sviluppatori nei vari capitoli, abbiamo quindi avuto capolavori come Need for Speed: Shift ma ci siamo imbattuti anche in veri e propri flop come Need for Speed: the Run.
Insieme al buon Ted ci siamo trovati pad alla mano a testare l’ ultimo capitolo della serie, ovvero Need for Speed: Most Wanted con un certo entusiasmo alimentato dalla notizia che EA ha affidato lo sviluppo del gioco ai ragazzi di Criterion Games (creatori di Burnout), i quali avevano già prodotto l’ adrenalinico Need for Speed: Hot Pursuit, andiamo quindi a scoprire il giudizio del nostro fidato game tester.
La somiglianza con la struttura di Burnout è lampante da subito infatti dopo una breve sequenza iniziale ci troviamo lanciati a bordo di una Aston Martin DB9 a percorrere le strade di Fairhaven, una città molto grande tutta da esplorare grazie al sistema free roaming, il nostro obbiettivo è … indovinate un po’ ? Scalare la classifica dei 10 piloti Most Wanted presenti in città. Per arrivare a sfidare questi piloti bisogna raggiungere un certo numero di speed points ottenibili in vari modi, in primis vincendo le gare che rappresentano la sfida principale del gioco e sono 5 per ogni veicolo sbloccato, queste sono a loro volta suddivise in 4 tipologie, gare su circuito, gare sprint, mostwanted 018gare di velocità nelle quali dovremo tenere la velocità media sopra quella indicata per vincere e imboscate della polizia dalla quale dovremo sfuggire in un tempo limitato. Si possono guadagnare speed points anche distruggendo insegne pubblicitarie sparse per la città, facendo derapate e sorpassi folli, passando davanti ai velox a velocità elevate, oppure con i takedown (brevi sequenze che mostrano la distruzione dell’ auto in rallenty, tipici di Burnout) e cioè mandando fuori pista i nostri avversari nelle gare distruggendogli l’ auto; un altro modo per guadagnare è sfuggire agli inseguimenti della polizia che grazie all’ IA particolarmente aggressiva saranno non poco impegnativi.
mostwanted 017 Una variante non proprio gradita da Ted è rappresentata dal fatto che le auto presenti nel gioco non possono essere acquistate ma vanno trovate, per sbloccare un’ auto infatti basta cercare i 3 punti di scambio presenti sulla mappa, nel gioco sono presenti 41 autovetture, 31 di queste posso essere sbloccate con questo sistema fin da subito mentre le altre 10 sono quelle dei Most Wanted e sono ottenibili affrontandoli in gare testa a testa e battendoli. mostwanted 023Un’ altra variante non molto gradita riguarda le modifiche delle auto, purtroppo non è più possibile modificarle esteticamente con alettoni, spoiler, minigonne e così via ma si potrà solo cambiare colore della verniciatura in modo casuale, passando sotto le strutture dei meccanici sparse per la città; le modifiche al motore invece si limitano a pochi pezzi che vengono sbloccati vincendo le gare e sono sempre gli stessi da applicare ad ogni auto.
mostwanted 021Per quanto riguarda il gameplay i ragazzi di Criterion hanno alzato il livello di complessità della guida rendendo il tutto un po’ più realistico rispetto l’ anima arcade che ha sempre caratterizzato questo titolo, anche la sensazione di velocità è ben resa, peccato che la visuale di gioco sia limitata solo a 2 inquadrature, una della macchina in terza persona e un’altra della strada in prima persona; invece è stato apprezzato particolarmente l’ inserimento dell’ easy drive, un menù accessibile utilizzando le frecce del pad nel quale possiamo controllare tutte le opzioni possibili o effettuare l’accesso al multiplayer, oppure modificare le auto senza mai uscire dal veicolo che stiamo guidando, questo elimina praticamente il classico menu di pausa rendendo il tutto molto più fluido.
Infine parlando del reparto multiplayer non possiamo non lodare l’ ormai ben collaudato sistema autolog di EA che ci permette di essere sempre connessi con i nostri amici anche in modalità single player con aggiornamenti continui sui loro record. Le sfide da affrontare nella modalità multiplayer sono le medesime del gioco, abbiamo a disposizione l’ intera mappa esplorabile in free roaming per trovare e affrontare gli altri giocatori connessi.

Chiudiamo ora la recensione con le VOTAZIONI del nostro fidato game tester TED:

 

mostwanted
Game play = 7,5

Grafica = 8

Longevità = 8

Audio = 7,5

Multiplayer = 8,5

 

 

eclectic icon

FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS FeedPinterest